Studenti per la Costituzione:
conoscerla per non tradirla

Il Liceo “Adelaide Cairoli” di Pavia ha suscitato l’attenzione dei media perché alcuni studenti hanno avanzato la richiesta di approfondire temi legati alla cittadinanza e alla Costituzione, arrivando anche all’ allungamento del tempo scuola. In particolare, in via sperimentale, dall’anno prossimo i ragazzi che frequenteranno il biennio del Liceo Economico – Sociale, con il benestare delle famiglie, resteranno in classe per un’ora in più la settimana e si prepareranno con attività mirate, guidate dai docenti di Diritto e Economia, a diventare cittadini più consapevoli. La scelta di dare particolare rilievo a questo ambito segue, per altro, le indicazioni della Riforma dei Licei del 2010 dove si raccomanda di riservare uno spazio adeguato al tema della cittadinanza e della Costituzione repubblicana. Alla richiesta il Liceo di Pavia (Linguistico, delle Scienze Umane, Economico – Sociale e Musicale) ha saputo rispondere  con agevolezza, avendo attivato fin dagli anni ’90 vari progetti di educazione alla cittadinanza attiva e responsabile e di educazione alla cittadinanza europea. In questo ambito sono state e sono particolarmente  interessanti le codocenze tra insegnanti di Storia e di Diritto/Economia, che affrontano la questione da più punti di vista e con linguaggi disciplinari diversi.

Se quindi la richiesta degli studenti pare inserirsi senza troppe sorprese nella tradizione del Liceo “Adelaide Cairoli”, perché tanto clamore? Probabilmente perché di scuola non si parla molto, perché chi non è studente o genitore non conosce se non superficialmente quanto accade nelle aule e non sa quanto sia impegnativo calibrare l’offerta didattica. I saperi propongono grandi complessità ed è difficile orientarsi in una contemporaneità che cambia a ritmi elevati. Ecco che gli studenti con la loro richiesta hanno voluto ricordare a docenti e opinione pubblica che la scuola non deve perdere di vista uno dei suoi compiti essenziali. Deve  garantire a tutti i ragazzi, e non solo a chi incontra sulla sua strada docenti motivati,  la conoscenza approfondita della storia e dei contenuti della Costituzione, delle Istituzioni , dei diritti e doveri  che regolano la vita democratica. Grazie a questi studenti, quindi; c’è senza dubbio bisogno di giovani energie, perché quegli articoli così ben scritti possano realizzarsi a pieno.

Luisa Previtera, docente del Liceo Cairoli